RSS
 

Un concetto obsoleto per la democrazia? Le elezioni e la crisi della rappresentanza politica

Num°19 ELECTIONS
CampatiManin

Nel corso degli ultimi mesi, non sono mancate le occasioni – come, per esempio, il referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione europea, l’elezione di Donald Trump alla presidenza degli Stati Uniti d’America, il referendum costituzionale in Italia – per tornare a riflettere su uno dei principi fondamentali per il regime democratico: l’espressione del volere dei cittadini attraverso le elezioni. Quello che sembrava un pilastro imprescindibile all’interno dell’architettura democratica sembra ora meno solido di quanto non ci si aspettasse perché non sempre l’interpellare il popolo su questioni sulle quali non tutti hanno una capacità di discernimento ben definita può rivelarsi la migliore opzione per rafforzare una leadership; così come, d’altro canto, non è scontato che un meccanismo di elezione basato sulle primarie – e quindi su una rappresentanza diffusa e articolata – possa evitare l’elezione di un leader “populista”; o, ancora, perché potrebbe non essere del tutto efficace affidare alla scelta drastica tra un “sì” e un “no” la decisione su una complessa revisione costituzionale. A ben guardare, però, quelle appena evocate potrebbero essere solamente le sconsolate considerazioni di chi, davanti agli esiti di un referendum o di una tornata elettorale, si trova a dover affrontare una sconfitta e quindi è indotto a mettere in discussione la procedura con la quale ha sondato il consenso dei cittadini.

Tuttavia, nelle democrazie contemporanee, la possibilità di un impellente “ripensamento” dei lineamenti concettuali dell’elezione democratica rimanda a un sintomo più importante rispetto alla pur legittima, ma estemporanea, reazione di chi si trova a dover affrontare una sconfitta. In gioco, infatti, c’è un mutamento strutturale delle procedure della rappresentanza politica dal momento che il serpeggiare di una certa insofferenza verso le modalità di elezione è strettamente correlato a un malessere nei confronti dell’intero impianto democratico. In altre parole, sempre più frequentemente le elezioni non appaiono più come il momento durante il quale i cittadini partecipano alla vita pubblica e scelgono i propri rappresentanti, instaurando così una relazione responsiva, bensì tendono ad apparire come l’occasione con la quale gli elettori approvano o meno una leadership oppure come l’opportunità per selezionare dei mandatari con il compito di tutelare specifici interessi.

Un concetto obsoleto per la democrazia? Le elezioni e la crisi della rappresentanza politica

scarica pdf
 
Commenti disabilitati

Numero 19 ELECTIONS luglio, 2017 - Autore:  Condividi

 

Tags: , , , , , ,

 
porno porno izle porno porno film izle